Giambattista Scidà

Già presidente del Tribunale dei Minori di Catania

  • PAGINE

  • Indice cronologico

  • Indice categorico

Martinazzoli e Catania

Posted by Giambattista Scidà su venerdì 9 settembre 2011

Martinazzoli e Catania

In dicembre del 1984 non volli aderire alla protesta che si organizzava per l’imminente apertura del nuovo anno giudiziario, contro provvedimenti riguardanti magistrati in servizio a Catania, di Uffici Giudiziari torinesi, dei quali si intendeva negare la competenza territoriale per connessione; in gennaio del 1985, con un appello al Ministro degli Interni, Scalfaro, tornai su quanto già affermato con un articolo su I SICILIANI, a pochi mesi dalla uccisione del fondatore: sulla necessità che invece di ritirarsi dal campo Catanese, come avveniva, la forza dello Stato ne riprendesse più pieno possesso: Catania – gli scrissi dal mio Ufficio di Presidente del Tribunale per i Minorenni – non può attendere nuove assunzioni di agenti e carabinieri: ha bisogno, anche per la lotta all’offerta di droga, di un’equità sollecita e nuova nella ripartizione delle risorse in atto disponibili. E nello stesso gennaio, nel Palazzo Municipale, dissi chiaro al Guardasigilli, Martinazzoli, in presenza dei capi di altri Uffici Giudiziari, e in presenza di giornalisti, che Catania era stata ceduta alla malavita. Qualche giorno dopo, l’affermazione sarebbe stata seccamente contestata, sul quotidiano cittadino, da una eminente autorità culturale; nessuno, per intanto, mi contraddisse, e nessuno consentì.

Quel gelo bastò, al Ministro, per confermarsi nel concetto che doveva avere già, della situazione locale; appena prima di congedarsi, mi chiamò a parte, e guardandomi negli occhi come uno che vuole essere guardato nei suoi – le spalle contro una chiara parete, e la testa china verso la mia – : “io scriverò” – mi disse – “io scriverò” – ripeté – “con queste mie mani………” e me le mostrava entrambe, come già intente a farlo.

Quale altro politico italiano avrebbe reagito così alle angosce di un ignoto giudice della periferia siciliana? Martinazzoli era la rettitudine servita dall’ingegno e dalla cultura.

Non dubito che abbia scritto. Ma nessuno, nemmeno il Ministro della Giustizia, nemmeno un Ministro come lui, poteva incidere sul sistema catanese. Qui il disarmo e il correlativo protrarsi delle grandi indisturbate latitanze, incrociavano, sulla testa dei catanesi, i servizi che la mafia aveva reso e rendeva.

Ne ero ormai convinto quando scrissi la relazione ’88 al PG, che si legge sul mio blog; ma non per questo mi abbandonò, né allora né in seguito, il disperato ottimismo della volontà – non rinuncio all’ossimoro – col quale ho continuato a reclamare, anche in faccia a Ministri dell’Interno, cattura di Santapaola e riarmo della città.

Martinazzoli, nato dopo di me, é morto pochi giorni fa, e tutta l’Italia ne onora la figura. Ad essa si inchina commosso, con questo ricordo, il catanese, già magistrato, che Egli seppe ascoltare. 

Annunci

Sorry, the comment form is closed at this time.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: